sede di competenza

La filiale COVEX di competenza per gli Stati Uniti d’America è Milano – Telefono: 02/4049230

SERVIZIO DI ASSISTENZA NIE USA (NATIONAL INTEREST EXCEPTION)

INDICAZIONI PER RICHIEDERE IL NIE STATI UNITI (NATIONAL INTEREST EXCEPTION)

08/11/2021 – AGGIORNAMENTO SUL REGOLAMENTO DI VIAGGIO PER GLI STATI UNITI E REQUISITO DI VACCINAZIONE COVID-19

A partire dall’8 novembre, i viaggiatori nazionali stranieri non dovranno più ottenere le eccezioni di interesse nazionale (NIE) per recarsi negli Stati Uniti. I cittadini ITALIANI idonei a viaggiare con ESTA, potranno farlo dall’8 novembre o successivamente con un’autorizzazione ESTA esistente o nuova e seguendo i nuovi regolamenti sulle vaccinazioni del Center for Disease Control (CDC) disponibili al seguente link https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/travelers/noncitizens-US-air-travel.html

Se si è cittadino di un paese del Programma di esenzione dal visto e si è idonei per l’ESTA, non è necessario attendere l’appuntamento per il visto per viaggiare se lo scopo del viaggio è per lavoro/turismo (classe di visto B1/B2). Ricordiamo che per chi si reca negli USA per interventi tecnici, assistenza su macchinari e impianti etc. è obbligatorio richiedere il visto B1.

A partire dall’8 novembre, ai viaggiatori aerei nazionali stranieri diretti negli Stati Uniti sarà richiesto, con solo limitate eccezioni, di essere completamente vaccinati e di fornire una prova dello stato di vaccinazione prima di salire a bordo di un aereo. Oltre a verificare la prova di un risultato negativo del test COVID prima della partenza le compagnie aeree ora verificheranno anche lo stato di vaccinazione.

15/10/2021 – AGGIORNAMENTO SUL REGOLAMENTO DI VIAGGIO PER GLI STATI UNITI E REQUISITO DI VACCINAZIONE COVID-19

Come annunciato dalla Casa Bianca, l’8 novembre entreranno in vigore nuove regole che richiedono ai cittadini stranieri in viaggio verso gli Stati Uniti di dimostrare l’avvenuta vaccinazione completa contro il COVID-19. Il sito web del CDC spiega che ai fini dell’ingresso negli Stati Uniti, i vaccini accettati sono quelli approvati o autorizzati dalla FDA e dall’elenco degli usi di emergenza dell’OMS. Per maggiori informazioni consultare il sito https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/travelers/testing-international-air-travelers.html  Il CDC e le agenzie federali USA stanno lavorando per sviluppare i documenti di orientamento per implementare queste nuove norme di viaggio. Per le compagnie aeree, i passeggeri delle compagnie aeree e per i viaggiatori che arrivano al confine via terra i dettagli saranno disponibili prima dell’8 novembre. Il Dipartimento di Stato fornirà ulteriori informazioni non appena saranno disponibili.

20/09/2021 – AGGIORNAMENTO  NIE – (NATIONAL INTEREST EXCEPTION)

Come annunciato dalla Casa Bianca il 20 settembre, a partire dai primi di novembre, tutti i cittadini stranieri di età adulta che viaggeranno verso gli Stati Uniti dovranno dimostrare prova di vaccinazione completa contro il COVID-19. Questo requisito metterà fine alla necessità, a partire dall’inizio di novembre, per i viaggiatori dall’Italia di ottenere eccezioni di interesse nazionale (NIE) ai sensi dell’attuale proclama presidenziale. Fino ad allora, i viaggiatori continueranno ad aver bisogno di NIE. Maggiori dettagli saranno forniti non appena le competenti autorità statunitensi confermeranno la data esatta dell’entrata in vigore delle nuove disposizioni.

14/09/2021 – NUOVA VALIDITA’ NIE – (NATIONAL INTEREST EXCEPTION)

A partire da oggi, 6 luglio 2021, tutte le autorizzazioni di National Interest Exception (NIE) avranno validità di 12 mesi per multiple entrate a effetto retroattivo e valevole per NIE rilasciati sia con con Visto (appuntamento in Consolato) che con ESTA. Chi fosse quindi già in possesso di un NIE che rispondesse ai requisiti qui sopra elencati e nel frattempo ne avesse richiesto uno nuovo, potrà utilizzare l’autorizzazione già ottenuta (se ancora valida) e ritenere annullata la richiesta NIE in attesa di valutazione. Si ricorda che l’ammissione all’ ingresso in USA è sempre soggetta alla valutazione dell’ Ufficiale del DHS presente al suo arrivo al Port Of Entry. La comunicazione ufficiale è disponibile al seguente link, si consiglia a tutti i viaggiatori di stamparne una copia da esibire all’imbarco: https://travel.state.gov/content/travel/en/News/visas-news/extension-validity-for-nies-for-china-iran-brazil-south-africa-schengen-uk-ireland-india.html  Il Consolato Americano comunica che il periodo per esaminare la documentazione per rilascio del NIE può richiedere fino a 120 giorni lavorativi. Per maggiori informazioni contattare gli uffici di Milano al numero 02/4049230.

02.03.2021 – Aggiornamento NIE STATI UNITI 

I cittadini provenienti dai Paesi dell’area Schengen possono recarsi recarsi negli USA se si qualificano per un’eccezione di interesse nazionale (NIE) al Proclama Presidenziale, in cui sospende i viaggi ordinari dall’area Schengen agli Stati Uniti. Le seguenti categorie di viaggiatori possono richiedere di essere prese in considerazione per il NIE se di supporto vitale dei settori di infrastrutture critiche indicate dal Department of Homeland Security https://www.cisa.gov/critical-infrastructure-sectors o delle catene di distribuzione collegate alle infrastrutture critiche. La società cliente negli USA, per poter presentare domanda di NIE dall’Italia deve quindi rientrare in una delle seguenti categorie definite critiche dal DHS:

  • settore chimico
  • strutture commerciali
  • settore delle comunicazioni
  • industria manifatturiera (produzione di metalli primari, macchinari, apparecchiature elettriche e di attrezzature per il trasporto)
  • settore delle dighe e degli impianti idroelettrici
  • base industriale per la difesa
  • servizi di emergenza
  • settore energetico
  • servizi finanziari
  • alimentazione e agricoltura
  • strutture governative
  • assistenza sanitaria e salute pubblica
  • tecnologia dell’informazione
  • settore nucleare
  • settore dei trasporti
  • sistemi di acqua potabile/acque reflue

I dirigenti e i manager che viaggiano per osservare le operazioni, partecipare a riunioni con i clienti statunitensi, e/o per viaggi di routine non saranno più considerati idonei per un’eccezione di interesse nazionale. Si sconsiglia di inviare domanda di NIE per  intervento tecnico, installazione o assistenza se il richiedente ricopre un carica dirigenziale in azienda o mansione diversa da un tecnico in quanto il Consolato verifica scrupolosamente tutta la documentazione oltre che al numero di ingressi fatti negli USA in precedenza, tipo di visti richiesti in passato etc.

Il periodo per esaminare i documenti e i titoli può richiedere fino a 50 giorni lavorativi. L’Ambasciata e i Consolati non possono accettare richieste di NIE da persone che si trovano al momento, fisicamente, negli Stati Uniti.

Eccezioni nell’Ambito del Programma di Viaggio NIE (National Interest Exception) Studenti, Viaggi d’affari, Investitori e Accademici.

A partire dal 10 Luglio 2020 per alcuni viaggiatori provenienti dai Paesi dell’area Schengen è possibile recarsi negli Stati Uniti se si qualificano per un’eccezione di interesse nazionale (NIE). Possono beneficiare di questa nuova eccezione: persone che viaggiano per affari e per intervento tecnico per fornire assistenza e/o manutenzione su macchinari venduti dall’Italia (Visto B1), studenti (Visto F1 e e Visto M1), ricercatori (alcuni programmi Visto J1), investitori (Visto E2).

Le seguenti categorie di viaggiatori possono essere prese in considerazione per la richiesta NIE:

  • Esperti tecnici e specialisti per l’installazione, l’assistenza, la manutenzione o per ricevere formazione, inerente ad imbarcazioni, macchinari o altre attrezzature specialistiche, utilizzate da aziende statunitensi o aziende straniere che abbiano effettuato un investimento sostanziale negli Stati Uniti. I viaggi
    sono di carattere temporaneo e per un soggiorno ben definito.
  • Dirigenti o professionisti di alto livello, e i loro familiari a carico, che forniscono direttive essenziali per il successo dell’azienda o dell’impresa.
  • Atleti professionisti, familiari a carico e personale essenziale che si recano negli Stati Uniti per partecipare ad importanti eventi sportivi, che diano un forte impatto in termini di vantaggi economici all’economia statunitense.
  • Investitori: Viaggi in relazione a investimenti o scambi commerciali che producano un notevole impatto economico a beneficio dell’economia degli Stati Uniti.
  • Studenti: Tutti gli studenti, e i loro familiari a carico, che si recano negli Stati Uniti per:
    >Seguire un corso di studi completo secondo la norma INA 101(a)(15)(F);
    >Seguire un corso di studi completo secondo lo standard INA 101(a)(15)(M);
    >Partecipare a un programma di scambio in qualità di studente.
  • Accademici: Tutti i partecipanti a programmi di scambio culturale e i loro familiari a carico che si recano negli Stati Uniti secondo l’INA 101(a)(15)(J) e che rientrano nelle seguenti casistiche:
    >Professori;
    >Ricercatori;
    >Studenti a breve termine;
    >Specialisti.

I tempi per l’elaborazione delle richieste da parte dei Consolati degli Stati Uniti in Italia possono superare i 40 giorni di calendario. COVEX fornisce il servizio di assistenza per la richiesta NIE e per l’ottenimento del visto consolare, per maggiori informazioni contattare gli Uffici di Milano al numero 02/4049230 seguendo le istruzioni indicate a fondo pagina nel menu “Servizio di assistenza NIE”.

VIAGGIATORI SENZA VISTO 

I viaggiatori che non hanno ancora ottenuto un visto e che rientrano in un a delle eccezioni sopra indicate possono richiederlo seguendo le istruzioni indicate nei menu a fondo pagina a seconda del tipo di visto da richiedere. Si ricorda che i viaggi per motivi turistici sono attualmente sospesi. Se si ha un bisogno urgente di viaggiare verso gli Stati Uniti, con motivi di post-vendita, gestione, e per specialisti di installazione e tecnici, si può richiedere un appuntamento urgente il cui rilascio è a discrezione dell’ufficio consolare. Contestualmente al rilascio del visto (la cui durata è a discrezione consolare) viene rilasciato il NIE per un singolo ingresso con validità di 30 giorni. Dopo aver effettuato il 1° ingresso se il richiedente vuole tornare negli USA dovrà presentare una nuova domanda di NIE ripresentazione nuovamente tutta la documentazione richiesta, i tempi di attesa rimangono invariati anche se si ha già ottenuto un NIE in precedenza quindi fino a 50 giorni lavorativi circa.

NOTA: I viaggi per turismo verso gli Stati Uniti continuano ad essere sospesi.

VIAGGIATORI CON UN VISTO VALIDO O CON ESTA APPROVATA.

I viaggiatori che sono già in possesso di un visto valido, sono tenuti a verificare che abbiano i requisiti per beneficiare di un’eccezione di interesse nazionale, prima che possa esser permesso loro di viaggiare negli Stati Uniti e devono fare richiesta di NIE.

LIMITAZIONI CON VIAGGI NIE

Sebbene i viaggiatori che beneficiano di un’eccezione di interesse nazionale (NIE) per motivi economici e di investimento riceveranno un visto con piena validità, l’eccezione è valida solo per 30 giorni dalla data di approvazione ed è valida per un solo ingresso negli Stati Uniti. Una persona che lascia gli Stati Uniti e desidera ritornarci, deve essere rivalutata per un’eccezione di interesse nazionale. Gli studenti e i ricercatori accademici non hanno bisogno di essere rivalutati ad ogni ingresso negli Stati Uniti. Si ricorda ai viaggiatori con visto F e J che sono tenuti a soddisfare tutti i requisiti del Programma Studenti e Visitatori di Scambio (SEVP – Student and Exchange Visitor Program). Si ricorda a tutti i richiedenti che la loro ammissione rimane soggetta alla decisione dei funzionari della Dogana e della Protezione di Frontiera (CBP) nei porti d’ingresso e che possono essere sottoposti ad un periodo di quarantena di 14 giorni all’arrivo.

(Le informazioni che seguono fanno riferimento alle procedure prima del COVID 19)

Visti Turistici e lavorativi per gli Stati Uniti d’America.

In questa pagina trovate tutte le informazioni per la richiesta di visto turistico B-2 per gli Stati Uniti,  visto affari B-1 per cittadini italiani e stranieri, visto di lavoro per gli Stati Uniti per la presentazione delle domande di visto presso il Consolato degli Stati Uniti di Milano, Firenze, Roma e Napoli.

Si rende noto che a partire dal giorno 1° Aprile 2016 i passaporti con foto digitale non saranno più ritenuti validi per entrare negli Stati Uniti mediante il programma ESTA. Saranno solo accettati passaporti biometrici, ovvero quelli che porteranno il simbolo del microchip sulla copertina. I passaporti con foto digitale saranno validi per il programma ESTA, fino alla data del 31 Marzo 2016.

21 gennaio 2016 – Gli Stati Uniti avviano l’attuazione delle modifiche al “Visa Waiver Program” (Programma “Viaggio senza visto”) Gli Stati Uniti avviano oggi l’attuazione delle modifiche previste nella legge denominata Visa Waiver Program Improvement and Terrorist Travel Prevention Act of 2015. La U.S. Customs and Border Protection (CBP) accoglie più di un milione di passeggeri che arrivano ogni giorno negli Stati Uniti e si impegna a facilitare i viaggi legittimi mantenendo nel contempo elevati standard di sicurezza e protezione dei confini. Ai sensi di questa legge, i viaggiatori appartenenti alle seguenti categorie non saranno più idonei a viaggiare e ad essere ammessi negli Stati Uniti nell’ambito del Visa Waiver Program (VWP):

  • Cittadini di paesi VWP che hanno effettuato viaggi, o risultano essere stati in Iran, Iraq, Kurdistan, Libia, Somalia, Sudan o Siria a partire dal 1 marzo 2011 (fatte salve limitate eccezioni per viaggi diplomatici o per scopi militari in servizio di un paese VWP);
  • Cittadini di paesi VWP in possesso di doppia cittadinanza iraniana, irachena, sudanese o siriana. Questi soggetti potranno comunque richiedere un Visto seguendo la regolare procedura di richiesta presso le ambasciate o consolati. Nel caso tali individui abbiano bisogno di un Visto per gli Stati Uniti in situazioni di emergenza (per motivi di lavoro, salute o umanitari), le ambasciate e i consolati degli Stati Uniti offrono la disponibilità ad applicare una procedura accelerata.

A partire dal 21 gennaio 2016, verrà revocata l’autorizzazione elettronica al viaggio “Electronic System for Travel Authorization” (ESTA) a tutti quei viaggiatori che sono attualmente in possesso di un’autorizzazione valida e che hanno precedentemente indicato di possedere una doppia cittadinanza con uno dei quattro paesi sopra menzionati.

Ai sensi della nuova legge, il Secretary of Homeland Security si riserva il diritto di concedere una deroga a queste restrizioni qualora ritenga che tale deroga risponda all’interesse del law enforcement o della sicurezza nazionale degli Stati Uniti. La concessione di tale deroga avverrà caso per caso. In linea generale, le categorie di viaggiatori che potrebbero beneficiare di una deroga sono:

  • Soggetti che si sono recati in Iran, Iraq, Sudan o Siria in veste ufficiale per conto di un’organizzazione internazionale o regionale, o di un governo sub-nazionale;
  • Soggetti che si sono recati in Iran, Iraq, Sudan o Siria in veste ufficiale per conto di una ONG umanitaria;
  • Soggetti che si sono recati in Iran, Iraq, Sudan o Siria nel ruolo di giornalista per fini professionali;
  • Soggetti che si sono recati in Iran per legittimi motivi di lavoro dopo la conclusione del Joint Comprehensive Plan of Action (14 luglio 2015);
  • Soggetti che si sono recati in Iraq per legittimi motivi di lavoro

Si ribadisce che la deroga per i richiedenti ESTA sarà valutata caso per caso, compatibilmente con i termini di legge. Inoltre, sara’ valutato se e come applicare deroghe per cittadini in possesso di doppia cittadinanza irachena, iraniana, siriana e sudanese.

I viaggiatori che hanno ricevuto avviso della revoca dell’autorizzazione ESTA e che non possono perciò viaggiare verso gli Stati Uniti nell’ambito del VWP, possono comunque viaggiare con un Visto non-immigrante valido, rilasciato da un’ambasciata o un consolato degli Stati Uniti. Prima di recarsi negli Stati Uniti, questi viaggiatori dovranno presentarsi presso un’ambasciata o un consolato degli Stati Uniti e sostenere un’intervista per il rilascio del Visto sul proprio passaporto.

La nuova legge non vieta i viaggi o l’ingresso negli Stati Uniti e la grande maggioranza dei viaggiatori che rientrano nel VWP non sarà interessata da questa normativa.

Per informazioni sulle richieste di visto visitate i siti:

http://italian.italy.usembassy.gov/visti.html o http://travel.state.gov

Prima di organizzare un viaggio, i soggetti attualmente in possesso di autorizzazione ESTA sono invitati a controllarne lo status sul sito CBP:

https://esta.cbp.dhs.gov</a

Attenzione!

TEST COVID OBBLIGATORIO PER VIAGGIARE NEGLI USA

A partire dal 26 gennaio, i  Centers for Disease Control and Prevention (i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie)  richiederanno a tutti i passeggeri aerei di età pari o superiore a due anni che entrano negli Stati Uniti (inclusi cittadini statunitensi e residenti permanenti legali) di presentare un test COVID-19 negativo, effettuato entro tre (3) giorni di calendario dalla partenza, o una prova di recupero da il virus negli ultimi 90 giorni.

I CDP raccomandano di ripetere il test nei 3-5 giorni successivi dopo l’arrivo negli USA, avendo osservato i 7 giorni di autoisolamento. Prima della partenza le compagnie aeree devono confermare il risultato negativo del test o la prova del recente recupero per tutti i passeggeri prima dell’imbarco. A chiunque non fornisca la documentazione richiesta o non intenda sottoporsi a tampone la compagnia aerea negherà l’imbarco. Anche chi è stato vaccinato dovrà comunque sottoporsi a tampone e presentare il test negativo.

Le procedure per le richieste di visto restano invariate,  rimane quindi obbligatoria la procedure di richiesta NIE o la domanda visto tradizionale. Per maggiori informazioni contattare i ns. uffici di Milano.